Loading...
You are here:  Home  >  Politica  >  Current Article

“Non ho mai abbandonato la pista” – Intervista di Luca Dragotti al Sindaco Enzo Garrone

By   /  16 maggio 2017  /  No Comments

    Print       Email

Quando il motore di un’auto si fonde, statisticamente dopo una lunga percorrenza, gli alti costi di manutenzione e componentistica, comportano la sostituzione della vettura. Nel caso della Sindaco, Enzo Garrone, prima dimissionario poi rientrato, non c’è stata nessuna avaria al propulsore, ma una semplice sosta per fare rifornimento ed una accurata revisione nel proprio box, nell’arco temporale intercorso tra il 28 febbraio e l’8 marzo. Garrone non ha mai abbandonato il tracciato del circuito, None; manca ancora poco più di due anni al traguardo del suo primo mandato e non intende deludere nessun concittadino, se stesso in primis. Attraverso questa intervista, Garrone ci racconterà la riflessione che l’ha accompagnato in questi dieci giorni. Dimissioni o pausa di riflessione? “Una pausa di riflessione mi ha portato alle dimissioni, lo definirei un black out personale.” Il 27 febbraio hai annunciato le tue dimissioni durante il consiglio comunale, decisione improvvisa o maturata da tempo? “Da tempo coltivavo questa decisione ma nello stesso tempo è stata improvvisata durante il consiglio comunale, in quel momento l’ho ritenuta la scelta giusta. Premetto che non mi ero confrontato con nessuno in tal merito.” Quali sono le cause che hanno scaturito questa scelta? “Uno stress psicofisico legato ad una serie di fattori non solo l’ambito amministrativo ma anche lavorativo oltre ad eventi che ci hanno colpito negli ultimi mesi come l’alluvione.” Quali sono state le reazioni della minoranza? “Penso di averli scioccati ma nello stesso tempo ho visto una reazione di sostegno e solidarietà nonostante Garabello, successivamente in una dichiarazione, abbia parlato di irresponsabilità ma ovviamente fa parte del gioco. Successivamente non ci siamo più incontrarti ma sono stati i primi ai quali ho comunicato il ritiro delle dimissioni ed il capogruppo mi ha ringraziato per essere tornato indietro nella mia decisione.” Facciamo un bilancio di questi primi tre anni. “Un bilancio più che positivo in quanto una buona parte del programma elettorale è stato realizzato, circa l’80% se dobbiamo stendere dei numeri. Abbiamo colto il patto di stabilità del governo Renzi grazie al quale abbiamo rinnovato l’urbanistica di None. Parliamo della riqualificazione totale di Via Roma, Piazza Cavour mentre Via Buniva, Via Amerano, Via Sola e Via Stazione, con tanto di arredo urbano, verranno asfaltate a fine aprile. Abbiamo sostituito i serramenti delle scuole Don Paolo Albera ed Ada Gobetti, rifatto le fognature di San Dalmazzo, 4 km per la precisione, con tanto di asfaltatura delle strade, insieme all’agenzia metropolitana dei trasporti abbiamo creato la linea di gronda None-Alpignano collegata alla cadenza ferroviaria. Su San Ponzio ci sarà la nuova bretella, abbiamo portato al termine con la Regione la pista ciclabile None – Stupinigi, riqualificato l’area di ingresso a None, lato Via Roma, da Airasca attraverso un nuovo parco giochi, abbiamo creato due aree per i nostri amici a quattro zampe ed incrementato la sicurezza con l’inserimento di nuove videocamere, ripreso il palio dei borghi ed una serie di attività con altri comuni tramite due protocolli di intesa, uno con Stupinigi e l’altro con il feudo dei 9 merli. Adesso stiamo lavorando sul piano regolatore per la riduzione del consumo di suolo, per la costruzione di nuovi loculi al cimitero, la messa in sicurezza di Via San Lorenzo zona bealera del mulino.” Cosa senti di rimproverarti? “Non mi faccio scivolare le cose addosso e le somatizzo oltre ad essere troppo accentratore, fa parte del mio carattere.” Quali sono le aree su cui deciderai di intervenire al fine di migliorare ulteriormente la tua amministrazione? ”In questo momento non ci sono aree specifiche, lavoreremo in modo diverso con più coordinazione ed interazione tra i vari settori con maggiore intesa ed affiatamento. Morale: miglioreremo il nostro modo di lavorare.” Quali sono i tuoi obbiettivi? “Concludere il mio primo mandato al meglio delle nostre possibilità, investirò tutto me stesso in questa sfida iniziata oltre tre anni fa.” Cosa ti senti di dire ai tuoi concittadini? “Mi scuso con loro per questa scelta, forse sbagliata, dettata dal momento che stavo vivendo, non li ho mai abbandonati, o meglio, non sono mai sceso dalla pista come ribadito nei giorni precedenti.” Non mancano i ringraziamenti –“ringrazio coloro che mi sono stati vicini e sostenuto, dalla mia famiglia ai concittadini, ai sindaci del circondario, non pensavo di avere un ritorno del genere, grazie!” Non è compito della redazione ricordarlo, ma considerato che siamo in democrazia, vorrei fare una riflessione: mi scuso in anticipo per quelli che possono sembrare toni paternalistici. Il Sindaco non è solo l’amministratore della comunità, è prima di tutto una persona, con delle responsabilità sulle spalle, senza considerare tutto quello che va oltre il suo perimetro amministrativo. Perché questa digressione? Come cittadino, sono consapevole, come tutti, delle problematiche che stanno coinvolgendo None e non solo; ci sono difficoltà che non si risolvono inveendo contro l’amministrazione o alimentando rabbia e voci prive di fondamento, che vanno a colpire direttamente le persone. Non è corretto. Chi di dovere si è fatto carico delle responsabilità utili alla risoluzione delle problematiche; le critiche fanno parte del gioco, ma devono essere costruttive. Se coloro che hanno assunto questo impegno non sono state in grado di svolgerlo al meglio, non possiamo certamente condannarli al patibolo, siamo essere umani; se esiste qualcuno o una amministrazione che non ha mai sbagliato, None sarà lieta di accoglierla. Siamo uno dei paesi più attivi nel sociale, abbiamo tante associazioni, persone che credono in quello che fanno, siamo un paese vivo, proviamo a smorzare le tensioni e le frizioni sociali e a cominciare a considerare quanto c’è di buono.

Luca Dragotti

 

 

    Print       Email
  • Published: 7 mesi ago on 16 maggio 2017
  • By:
  • Last Modified: maggio 16, 2017 @ 11:29 am
  • Filed Under: Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

In ricordo di Domenico Bastino

Read More →