Loading...
You are here:  Home  >  Musica  >  Current Article

“Parole di cinema e percorsi paralleli”

By   /  4 gennaio 2017  /  No Comments

    Print       Email

Cari amici de “Il Mondo di None”, oggi voglio proporvi l’intervista fatta ad un’artista della nostra regione, una personalità eclettica e poliedrica, capace di rapportarsi con l’Arte in maniera camaleontica.

Giorgia De Carolis, residente nella provincia di Cuneo, è una performer burlesque, attrice di cinema indipendente e di teatro (con la Compagnia Teatrale Coincidenze), scrittrice di cinema horror per alcune fanzine online e laureanda al Dams.

Sicuramente l’elenco si allungherà nei prossimi anni, ne sono certo.

Ora mettetevi comodi e gustatevi questo botta e risposta.

Ciao Giorgia e grazie per aver accettato l’intervista. Racconta qualcosa di te ai nostri amici lettori.”

Innanzitutto grazie a te per quest’intervista, non sono affatto abituata a riceverne…ammetto di essere lusingata ed intimidita assieme! Per farla breve… se fossi un colore sarei il rosso, se fossi un album musicale sarei “Love On the Beat” di Serge Gainsburg; se fossi un film sarei “Demoni” di Lamberto Bava; se fossi un libro sarei “Il Maestro e Margherita” di M. Bulgakov. Tanto per dare un’idea (transitoria perché domani potrei sentirmi in tutt’altro modo) della mia persona!”

Hai cominciato a muovere i primi passi nel mondo del burlesque, pieno di lustrini, piume e calze di nylon. Come ti sei avvicinata a questo tipo di arte e cosa ti ha influenzato di più?”

Sin dall’adolescenza iniziai a subire il fascino indiscreto delle dive del cinematografo. Mi piace l’idea di poter esibire la propria femminilità attraverso una buona dose di autoironia, adoro indossare abiti retrò come corsetti, reggi-calze, guanti…il burlesque è stata la prima forma di spettacolo ad avvicinarmi al palcoscenico (in realtà il mio primissimo show nel lontano 2009 fu all’interno di una gabbia) praticamente per gioco e non a caso la componente ludica è la più importante in quel tipo di spettacolo-vaudeville. Grazie a quest’esperienza ho imparato a mettermi in gioco ed ho potuto immergermi in tempi passati da me mai vissuti per cui provo nostalgia.”

Come prepari gli spettacoli? Quali sono le idee di partenza per sviluppare uno show?”

Inizio con il scegliere il tema, le influenze ed il look che voglio ricreare dando molta importanza alla componente musicale che può essere un jazz anni ’40, un pezzo di Fred Buscaglione o perché no dei Cure! Il cinema mi ha sempre ispirata dandomi spunti per show dal gusto orientale , gangster, noir. Ognuno ha i suoi feticci, il mio penso sia il trasformismo: cappello e divisa con Marlen Dietrich in sottofondo ed evoco la Charlotte Rampling de “Il portiere di Notte” (film di Liliana Cavani del 1974); look flapper con lustrini sottofondo di Armstrong e ci troviamo in pieno proibizionismo alla “C’era una volta in America”…anche se gli show più belli sono quelli con la musica dal vivo!”

Il passo dal separè al teatro com’è avvenuto?”

Mi sono iscritta, sempre per gioco, ad un’accademia teatrale triennale presso la quale mi sono diplomata. Improvvisazione, dizione, lavoro sul personaggio, studio del copione, tutt’altra cosa che preparare uno show burlesque.

Lì è iniziata la mia irreversibile dipendenza dal palcoscenico! Subito dopo sono entrata a far parte della Compagnia Teatrale Coincidenze.”

Raccontami di cosa si occupa la “Compagnia Teatrale Coincidenze” e che spettacoli avete allestito.”

Coincidenze oltre essere una compagnia teatrale è la mia famiglia, composta da attori diplomati attivi in numerose realtà teatrali, nata ad Alba nell’autunno 2012 con l’intento di proporre nuove produzioni teatrali dal repertorio del teatro contemporaneo ai testi inediti e autoprodotti .

Durante questi anni abbiamo portato in scena diverse commedie molto attuali come “Sono sempre in ritardo di un anno” di Corrado Vallerotti, una sorta di moderna parodia del Giulietta e Romeo; “Il Letto Ovale” una commedia brillante di Ray Cooney e John Chapman; “Ladri” di Vin Morreale Jr.; l’impegnativo “Le Serve” di Genet e la commedia attuale ma riflessiva “Effetti Collaterali” di Alessandro Martorelli.

La compagnia, oltre al teatro “nei teatri”, è attiva e disponibile con iniziative nei vari ambiti culturali, rappresentando, curando la performance e introducendo il teatro nelle librerie, alle mostre, nelle passeggiate tra i boschi, ai convegni e alle cerimonie, collaborando con eventi e manifestazioni del territorio.

Da anni nutri una passione per il cinema, le pellicole horror in particolare e scrivi per una fanzine reperibile sul web. Parlamene un po’.”

Direi che da sempre nutro una passione per il cinema, anche in senso lato.

L’horror mi affascina ed esorcizza le mie fobie da sempre perché fondamentalmente sono un’ipocondriaca fifona che non accetta l’idea della morte, ma essendo una personcina molto curiosa mi piace avvicinarmi al genere in senso lato: noir, erotico, western, giallo… quando poi i generi si mischiano ancora meglio!

D’altronde il panorama italiano è stato in passato terreno florido per il cinema, ignorato da molti e riesumato quando qualcuno si è accorto che Quentin Tarantino ed Eli Roth non sarebbero esistiti senza Ruggero Deodato, Umberto Lenzi , Fernando Di Leo e chi più ne ha più ne metta!

Attualmente scrivo per il sito di “Cinematographe”, una testata giornalistica volenterosamente dedicata al cinema ma anche fumetti, videogames, serie tv. Ovviamente io contribuisco alla sezione horror!”

So che ti stai laureando e sei finalmente giunta al passo finale, la tesi.”

Posso solo dire ERA ORA!! E darmi una pacca sulla spalla.”

Cosa c’è nel tuo immediato futuro? Progetti, desideri, ambizioni.”

Vorrei cercare d’inserirmi sempre più a fondo nei settori artistici che amo, come il teatro ed il cinema, la scrittura. Un interessante progetto a cui ho preso parte, tutt’ora in fase di lavorazione, si chiama “Keepers Of The Stone”, un film indipendente fantasy-comedy. L’estate sarà in parte dedicata alle riprese!”

Carta bianca per chiudere questa chiacchierata.”

Amer” di Hélène Cattet e Bruno Forzani, se non l’avete ancora visto rimediate di corsa!”

    Print       Email
  • Published: 1 anno ago on 4 gennaio 2017
  • By:
  • Last Modified: gennaio 4, 2017 @ 11:05 pm
  • Filed Under: Musica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

“Aiutaci tu, mamma chitarra!” – Intervista a Cesare Micanti

Read More →