Loading...
You are here:  Home  >  Turismo  >  Current Article

Hakuna Matata!

By   /  23 agosto 2016  /  No Comments

    Print       Email

Ci sono quelle che toccano il cielo con un dito arrampicandosi su alberi tanto alti da far girare la testa e quelle che giocano nel parco giochi. Quelle che vivono in gruppo e quelle che stanno bene da sole. Quelle dalla coda lunga e quelle dalla pancia rossa. Sono le scimmie del Borneo, le vere protagoniste di questo viaggio nel cuore della foresta malese. Abbiamo organizzato il tour insieme ad una guida locale, per poter vedere alcuni degli animali che popolano questo piccolo lembo di terra, un tempo molto più grande ma purtroppo completamente sostituito dalla piantagioni di palme da olio, principale fonte di reddito per la regione. Questa attività ha ridotto drasticamente le distese di foresta e di conseguenza ha danneggiato diverse specie animali. Il nostro tour é partito da Sepilok, dove abbiamo visitato il centro di conservazione dei Sun Bear, i più piccoli orsi esistenti sulla terra. Questo luogo è nato per mettere in salvo la specie, fortemente a rischio a causa dell’uomo. Dopo gli orsi abbiamo incontrato l’uomo della foresta, l’orango tango, nella sua tenera etá. Il Centro di Riabilitazione di Sepilok a lui dedicato, é stato fondato qualche anno fa da una famiglia britannica, con lo scopo di soccorrere gli orfani cuccioli abbandonati dalle madri o gli orango tanghi in pericolo. Dopo alcuni anni di cura, formazione e educazione alla sopravvivenza nel loro habitat naturale presso il Centro, gli orango tanghi tornano liberi nella foresta. Si possono incontrare durante l’ora del pranzo, quando i ranger si avvicinano agli alberi con banane e altre prelibatezze, richiamando così l’attenzione degli orango tanghi che si lasciano avvicinare e fotografare dai visitatori del Centro. Non é possibile accedere alla ‘nursery’ dove vengono allevati i più piccoli ma é possibile avvicinarsi al loro parco giochi e osservarli durante le loro acrobazie. Guardandoli ci sentiamo davvero vicini a loro e infatti, ci distinguiamo solo per un 4% del DNA, per il resto siamo identici! Nel pomeriggio la nostra guida ci ha condotto sulle sponde del Kinabatangan, il secondo fiume più grande della Malesia. Percorrendo il fiume in barca, abbiamo incontrato orango tanghi, scimmie nasoniche tipiche della Malesia, piccoli macachi, coccodrilli e una grande varietà di uccelli. La sensazione più bella è stata vederli liberi davvero, non in uno zoo, non in una riserva naturale, ma nel loro habitat. Abbiamo ripetuto l’esperienza il mattino seguente, per ascoltare le voci del risveglio della natura mentre la sera abbiamo partecipato ad un safari notturno per avvistare gufi, pipistrelli e altri volatili notturni. Certamente una delle esperienze più emozionanti dei nostri viaggi.

Sara Fiorentino
Marketing e Comunicazione Digitale
www.sarafiorentino.com
+39 338.8875587

    Print       Email
  • Published: 1 anno ago on 23 agosto 2016
  • By:
  • Last Modified: agosto 23, 2016 @ 2:54 pm
  • Filed Under: Turismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

Aruba, One Happy Island

Read More →