Loading...
You are here:  Home  >  Musica  >  Current Article

Falco, il commissario musicale di Vienna

By   /  29 marzo 2016  /  No Comments

    Print       Email

Falco | 80s music - Videos and info about famous bands of the 80's - Sound of music of stars of 80's: Falco, Confetti's, Bronski Beat, Thompson Twins etc. | Golden80s.com

 Bentornati al nostro consueto appuntamento con la musica, oggi usciamo nuovamente dai nostri confini per andare a Vienna, città natia di un’icona musicale degli anni ’80 che tutti noi ricordiamo, Falco.

Nasce nel capoluogo austriaco nel febbraio del 1957, all’anagrafe Johann Hans Holzel, sin da primi anni si nota la sua predisposizione alla musica, infatti all’età di 5 anni viene certificato, dall’accademia di musica viennese, il suo “orecchio assoluto”.

Dopo il servizio di leva inizia a suonare il basso in alcune band locali, passando da performance teatrali al nascente punk rock.

Nel 1977 si trasferisce nella Berlino Ovest e decide di adottare lo pseudonimo Falco, prendendo come spunto il nome di un saltatore con gli sci della DDR; tornato a Vienna riprende la sua attività da musicista con il gruppo punk Drahdiwaberl, scrivendo una delle sue prime canzoni, “Ganz Wien”, che verrà inserita qualche anno più tardi nel suo primo album.

Firma un contratto discografico da solista e nel 1981, con l’aiuto del suo produttore, da alla luce il suo primo memorabile singolo, “Der Kommissar”, che raggiunge il primo posto nelle hit parade di molti paesi europei.

Chi di voi non ricorda il ritornello “…..” (n.d.A.).

Einzenlhaft” è il suo primo disco ed esce nel 1982, vengono estratti altri quattro singoli.

La carriera di Falco inizia letteralmente a prendere il volo, si susseguono dischi che ottengono un ottimo successo di pubblico e di vendita, nella primavera del 1986 esce “Rock me Amadeus”, altro successo planetario che rende il nostro musicista ancora più apprezzato, nonostante canti nella lingua madre.

Attraverso i fratelli La Bionda, sui discografici in Italia, Falco partecipa al “Festival di Sanremo”; la sua carriera inizia a subire delle battute d’arresto, fra collaborazioni mal gestite (un singolo con Brigitte Nielsen), dischi di scarso successo e vicissitudini personali.

Il 1992 è l’anno del suo ritorno al successo, pubblica un album che riscuote nuovamente consensi anche al di fuori del vecchio continente; memorabile il suo concerto a Vienna davanti a 100 mila persone, sotto una fitta pioggia.

Dopo quattro anni Falco si trasferisce nella Repubblica Dominicana, provando a produrre nuovamente musica, senza però riuscirci.

Nonostante il luogo paradisiaco, il nostro beniamino viene a mancare nel febbraio del 1998, in seguito alle ferite riportate dopo un incidente stradale.

Falco viene sepolto nel cimitero della sua Vienna, dieci anni dopo, nel 2008, in Austria esce un film biografico, un doveroso tributo ad un artista geniale.

Anche se non conoscete il tedesco cercate i suoi dischi per approfondire meglio quanto letto oggi.

Nel prossimo numero torniamo in Italia con i Righeira.

Alla prossima

Claudio “Clay” Mangolini

    Print       Email
  • Published: 2 anni ago on 29 marzo 2016
  • By:
  • Last Modified: marzo 29, 2016 @ 10:34 pm
  • Filed Under: Musica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

“Aiutaci tu, mamma chitarra!” – Intervista a Cesare Micanti

Read More →