Loading...
You are here:  Home  >  Attualità  >  Current Article

Tutte le delibere pubblicate fino ad ora sono quelle di settembre

By   /  31 dicembre 2015  /  No Comments

    Print       Email

Il 9 settembre il Comune di None ha approvato il “Piano delle Performance”, i criteri per l’assegnazione delle indennità di risultato ai dipendenti comunali responsabili di servizio, collegata al conseguimento degli obiettivi assegnati. Il Piano stabilito nel 2014 aderiva ad una legge del 2009, che prevede “che le Amministrazioni Pubbliche debbano sviluppare il ciclo di gestione della performance, avente fra gli obiettivi primari il conseguimento di una migliore organizzazione del lavoro, il progressivo miglioramento della qualità delle prestazioni erogate al pubblico, il raggiungimento di adeguati livelli di produttività del lavoro pubblico favorendo il riconoscimento di meriti e demeriti dei dirigenti pubblici e del personale”. La legge afferma che devono essere definiti chiaramente obiettivi e risorse per raggiungerli, nonché i valori oggettivi per la valutazione, ai fini dell’applicazione del sistema premiante. Devono essere criteri “specifici e misurabili in termini concreti e chiari”. Devono “determinare un significativo miglioramento della qualità dei servizi erogati e degli interventi” e devono riferirsi “ad un arco temporale determinato, di norma corrispondente ad un anno”.

°°°

Il comune di None con delibera del 9 settembre 2015, ha indetto un concorso pubblico per l’esercizio del servizio di autonoleggio con conducente. Il servizio è simile a quello di un taxi, ma si differenzia per alcuni dettagli. Prima di tutto il veicolo non ha un colore prestabilito, come i taxi, e inoltre il servizio viene effettuato su richiesta, di solito telefonica, oppure via mail. Anche le tariffe sono diverse. Il comune di None, secondo il calcolo del fabbisogno teorico, può concedere due autorizzazioni. Il servizio è pensato soprattutto verso le fasce deboli. Il titolare deve infatti impegnarsi ad attrezzare il veicolo con i requisiti necessari per trasportare soggetti portatori di handicap anche di particolare gravità. In caso contrario, verrà sanzionato, con l’impegno, da parte del Comune, ad utilizzare i proventi di tali sanzioni per il finanziamento di servizi di mobilità dei soggetti con grave disabilità motoria. Al soggetto che richiederà l’autorizzazione sono richiesti patente, proprietà del veicolo e l’essere iscritto alla Camera di Commercio, oltre che risultare moralmente idoneo, cioè non avere condanne né fallimenti alle spalle. Un occhio anche alla disoccupazione, visto che titoli di preferenza saranno considerati l’iscrizione nelle liste di collocamento e il maggior carico di famiglia.

°°°

Per tentare di dare un impulso turistico al territorio, il Comune di None ha stretto un’alleanza con altri otto comuni della zona, la scorsa primavera: Airasca, Candiolo, Castagnole, Piobesi, Piossasco, Scalenghe, Virle e Volvera, i quali, con la collaborazione della Fondazione Alessandro Cruto di Piossasco, hanno sottoscritto il “Protocollo d’intesa per la valorizzazione e la promozione turistica del Feudo dei Nove Merli”. I “nove merli” erano quelli presenti nello stemma dei Conti di Piossasco, il cui Feudo comprendeva appunto i Comuni interessati. Con la delibera n. 95 del 21 settembre, il Comune di None ha approvato il marchio territoriale, che verrà affiancato a quelli istituzionali e utilizzato allo scopo di rafforzare la visibilità di tutti i Comuni in questione. Si punta soprattutto su un marchio versatile e distinguibile sui principali mezzi di comunicazione, per dare maggior impulso alla strategia di marketing turistico, storico, culturale e commerciale.

°°°

Il Comune di None si è occupato poi della Caritas, diventata uno strumento ormai insostituibile per assistere i tanti nuclei familiari in difficoltà, soprattutto in questo periodo di grave crisi occupazionale che sta interessando il comune di None, e diverse persone in stato di grave indigenza. La Caritas parrocchiale di None interviene a sostegno di queste persone, con la distribuzione di generi alimentari di prima necessità, sia con il contributo a sostenerne le spese, dal canone d’affitto alle bollette per luce, gas, ecc. Per questa assistenza è stata impegnata, dall’inizio dell’anno ad oggi, una somma di € 15.000, dimostratasi superiore alle aspettative dell’Ente, che perciò ha chiesto un contributo al Comune. Con la delibera n. 96 del 21 settembre, la Giunta Comunale ha ritenuto congruo il contributo di 10.000 euro, 8.000 subito e il resto alla presentazione del rendiconto da parte del Cassiere della Caritas. Certo, questo non basterà per risolvere i problemi di queste famiglie e sarà necessario impostare un progetto più ampio, se si vorrà puntare al reinserimento delle famiglie nel tessuto produttivo del territorio. Però è un supporto prezioso.

°°°

Con la delibera n. 97 del 21 settembre, il Comune contribuisce alle spese dell’organizzazione di “None al cioccolato”, basandosi sul preventivo di € 20.200 presentato dalla None Pro Loco, per la cifra di 8.000 euro.

°°°

L’associazione delle mamme nonesi “Arca di Noné” avrà ancora a disposizione i locali comunali di Via San Rocco, adiacenti alla Chiesa. Il comune, con la delibera n. 98 del 21 settembre, li ha infatti assegnati nuovamenteall’associazione, fino a settembre del 2016, per la cifra di 300 euro, a titolo di rimborso delle spese: riscaldamento, luce, acqua, ecc. L’Associazione potrà quindi continuare ad organizzare feste per i bambini in età scolare (materna ed elementari) da 3 a 11 anni, per ognuna delle quali riceverà dal Comune un contributo di € 10.

°°°

Il Comune di None, con la delibera n. 101 del 30 settembre, ha approvato la costruzione di 50 nuovi loculi nel cimitero comunale di via Beinasco, parte di un progetto di ampliamento che il Piano Regolatore del 2013 porterà a 500 nuovi loculi entro il 2017.

°°°

Con la delibera n. 102 del 30 settembre, infine, il Comune di None, secondo le istruzioni del Comandante del Corpo di Polizia Municipale di None, Silvano Bosso, ha richiesto un contributo alla Regione Piemonte, per lo svolgimento in forma associata delle funzioni di Polizia locale e di Protezione civile. Secondo la Convenzione esistente tra i Comuni di Piobesi, Castagnole, Candiolo, Virle e None, tocca infatti a quest’ultimo, in quanto Comune capofila, il compito di attivarsi per la ricerca di finanziamenti nei confronti dello Stato, della Regione Piemonte, della Città Metropolitana e di altri Enti, pubblici o privati. L’attività associata è volta a garantire il presidio del territorio con le funzioni di sicurezza urbana, polizia stradale, microcriminalità, con la pianificazione quotidiana di autopattuglie. La gestione associata della Protezione civile ha permesso, in primo luogo, una valida formazione specifica sia degli addetti di ruolo, sia dei volontari. La dimostrazione si è avuta con l’esercitazione di evacuazione dei plessi scolastici del maggio 2014, con “ricerca di persone sommerse da macerie” che coinvolse anche alcune unità cinofile e installazione della centrale operativa unica nella Sala Operativa della Polizia Locale del Comune di None.

Marco Gambella

    Print       Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

COMUNE E CARITAS: LAVORO UTILE PER IL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DISAGIATE

Read More →