Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Current Article

L’inaffidabile perditempo

By   /  21 ottobre 2015  /  No Comments

    Print       Email

Un amico mi ha detto che un nuovo mondo possibile potrà nascere, ma solo dal caos. Come me, anche lui è convinto che bisogna puntare alla redistribuzione della ricchezza tra le classi e tra i popoli e alla conversione ecologica dell’economia. Ma è sfiduciato. Non crede che un’alternativa al dominio del neoliberismo e della finanza sia praticabile sul terreno delle riforme e della legalità democratica. Quasi all’opposto, un altro amico – guarda un po’ che sono preso in mezzo anche stavolta – mi ha invece garbatamente sgridato perchè faccio male a rappresentare l’impegno politico per la giustizia sociale come una strada da pedalare in salita. Di questi tempi più del solito, per prime le classi subalterne vogliono sentirsi rassicurate da messaggi sereni e protettivi. Non amano scenari apocalittici e preferiscono stare alla larga da chi prospetta percorsi irti di difficoltà e ostacoli quotidiani. La recente lettura di un agilissimo e spregiudicato libretto di Yanis Varoufakis, il ministro greco delle Finanze nel governo Tsipras, mi aiuta a fronteggiare l’interrogativo mentre sono qui che penso dove mettermi. Varoufakis, che le cancellerie europee allineate con la signora Merkel hanno dipinto come un “inaffidabile perditempo” nel tentativo di stroncarne la credibilità di loro interlocutore al tavolo delle trattative per la “ristrutturazione” del debito greco, ha scritto questo testo nell’evidente intento di rispondere alle critiche rivoltegli dagli ambienti della sinistra radicale cui appartiene. Critiche che gli “fanno male” perchè Varoufakis è il primo a confessare che esse contengono “più di una parte di verità”. Anche lui vorrebbe combattere un’Unione Europea antidemocratica e supina ai dettami irrazionali del neoliberismo che fatalmente ci sta avviando sulla strada della misantropia. Anche lui vorrebbe sostituire il capitalismo con un modello economico-produttivo solidale ed ecosostenibile. Ma obietta che, nella situazione attuale, lo smantellamento dell’eurozona getterebbe gran parte dell’Europa “in una palude senza scampo di stagnazione economica e inflazione”. A trarne profitto e potere non sarebbe una sinistra progressista, ma i maneggioni della tecnocrazia e i populismi variopinti della xenofobia, per non dire i neonazisti di tutte le albe dorate pronte all’agguato. Il marxista irregolare Varoufakis tiene conto della sconfitta da cui è reduce la sinistra europea dopo il crollo del muro di Berlino. Riconosce che “non siamo pronti a colmare il baratro” scavato da “élites europee allo sbando” e sempre pronte “a negare la realtà con la testa sotto la sabbia come gli struzzi”. Piuttosto, dice il ministro greco, occorre lottare per “stabilizzare l’Europa” e per “porre fine alla spirale recessiva” che rischia di “incubare le uova del serpente” e di spalancare alle armate aggressive dell’intolleranza le porte delle già fragili democrazie europee. Proprio chi aborrisce l’Eurozona è chiamato a compiere “l’obbligo morale di salvarla”. Non so se un ragionamento simile può acclimatarsi in Italia, dove le sinistre si sentono investite dalla missione di cambiare le ruote al carro senza interrompere la sua corsa. C’è poi il rischio della corruzione quando ci si allea con forze capitalistiche. C’è il rischio di rinunciare alla propria radicale intransigenza in cambio dell’ingresso negli ambienti protetti e ben arredati del potere. Ma va? Certo che il rischio c’è. Vittorio Foa una volta mi ha detto che è un rischio che bisogna saper correre.

YANIS VAROUFAKIS, Confessioni di un marxista irregolare, Asterios editore, pag.46, euro 5.

    Print       Email
  • Published: 2 anni ago on 21 ottobre 2015
  • By:
  • Last Modified: ottobre 21, 2015 @ 10:39 pm
  • Filed Under: Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

“Se non conosci i tuoi diritti non li puoi far valere, questi sono tuoi, per il semplice fatto che tu sei un essere umano.” Benvenuta Roberta Fontana

Read More →