Loading...
You are here:  Home  >  Motori  >  Current Article

Parco Valentino – Salone & Gran Premio – “Il nuovo vestito del Salone di Torino”

By   /  30 giugno 2015  /  No Comments

    Print       Email

20150611_102649Il Salone dei numeri. La prima edizione de Parco Valentino – Salone & Gran Premio, kermesse dedicata al settore automotive, ha chiuso i battenti nella notte di domenica 14 giugno, convergendo ben oltre le aspettative in termini di visitatori e riscontri. Il Bilancio? I numeri parlano chiaro: i dati ufficiali della Prefettura hanno stimato oltre 300.000 visite tra Salone dell’auto all’aperto, dall’11 al 14 giugno, e parata celebrativa nella giornata di domenica 14 giugno. L’evento è stato organizzato contando sulla presenza di 25 Case Automobilistiche, 10 Carrozzieri e Centri Stile, 2 anteprime mondiali e 1 anteprima nazionale, il primo Concorso d’Eleganza Pininfarina e 350 equipaggi per il tributo Torino-1_99Venaria. Torino si conferma essere la Città dell’Automobile, il Salone non rappresenta altro che il riscatto di un settore che ha risentito della crisi economica. Il risultato? Il lavoro e l’impegno di tecnici ed ingegneri attraverso le vetture esposte dai brand e Carrozzieri/Stile.

Parco Valentino – Engineering and Style. I brand che hanno presenziato all’interno della manifestazione, attraverso l’esposizione delle vetture più rappresentative della propria gamma: Abarth, Alfa Romeo, Audi, Bentley, Bmw, Ferrari, Fiat, Jaguar, Jeep, Kia, Lamborghini, Lancia, Land Rover, Lexus, Lotus, Maserati, McLaren, Mercedes, Porsche, Pagani, Subaru, Suzuki, Tesla, Toyota e Volkswagen. Carrozzieri e Stile, attraverso l’ingegneria di 1_95prodotto ed esercizi di stile, hanno presentato concept car, le cui soluzioni, sono state studiate e testate per poter essere utilizzate in futuro sulle vetture di serie. Tra questi hanno figurato Centro Stile Ferrari, Fioravanti, I.DE.A Institute, IED Torino, Italdesign Giugiaro, Pininfarina, Spada, Studiotorino, Torino Design e UP Design. Buon riscontro di pubblico e curiosità, ha destato la concept FUTUR-e presentata da I.DE.A Institute, vettura che avvale di uno stile futuristico (derivato dalla FUTURA, presentata al Salone Internazionale di Ginevra 2010), dotata di un’innovativa Range Extender Unit, che consiste in un progetto di unità propulsiva ibrida scalabile nelle dimensioni e nelle potenze erogate, basato su un motore boxer in alluminio accoppiato a due propulsori elettrici. 1Questa soluzione conferma che oramai l’ibrido, lanciato nel lontano 1997 da Toyota con la Prius, è il futuro, considerando che molte case automobilistiche stanno investendo in questa tecnologia. Protagoniste le due anteprime mondiali, presentate dai designer che le hanno progettate, la Mole di Umberto Palermo (Up design), costruzione artigianale in serie modello 001, il quale ha confessato di aver venduto il primo esemplare allo stilista Santo Versace, e la Super Sportiva di Roberto Piatti (Torino Design) di un azzurro metallizzato che arriva dal futuro, dotata di un’unità propulsiva a 12 cilindri, 800 cv e telaio in fibra di carbonio.

Concorso d’eleganza di Pininfarina – Gran Premio. Possiamo definirla una kermesse nella kermesse il 1_15Concorso d’eleganza di Pininfarina, ospitato nella corte del Castello del Valentino, dove hanno sfilato i modelli che hanno fatto la storia della Pininfarina grazie al suo stile inconfondibile. Tra questi, la Cisitalia e la Lancia Aurelia B24, miti celebrati da Hollywood come la Duetto (“Il Laureato”) e la Nash Healey (“Sabrina”), pezzi unici come la Ferrari P4/5 by Pininfarina, la Ferrari 612 Scaglietti “K”, l’Alfa Romeo 6C 2500 Speciale e la 212 Inter Cabriolet, la primissima Ferrari disegnata da Pininfarina nel 1952. Ultime ma non ultime, le concept car Cambiano e Sergio. Circa 350 equipaggi hanno partecipato al Gran Premio del Valentino, il cui tracciato è lungo circa 18 km dal parco fino all’arrivo 1_160alla Reggia di Venaria Reale. Le protagoniste erano le auto da competizione del Motorsport, che hanno visto in testa la leggendaria Lancia D50 oltre a pezzi unici che hanno rappresentato la bellezza del made in Italy: il meglio del design Pininfarina, il tributo Pagani, Ferrari, Lamborghini, Maserati, brividi per gli appassionati del settore.

La parola al Sindaco ed al Presidente della manifestazione. “Con un nuovo vestito rinasce il Salone dell’automobile di Torino” – questa è stata la prima dichiarazione non priva di entusiasmo del Sindaco di Torino Piero Fassino nel giorno dell’inaugurazione, parole che prese alla lettera hanno delineato il vero, puntualizzando che un 1_146sogno da molti atteso è stato realizzato a distanza di 15 anni dall’ultimo Salone dell’Automobile di Torino, svolto a Lingotto fiere. Con la conclusione della prima edizione, nel corso dei pubblici ringraziamenti al Comitato Organizzatore, il Sindaco ha commentato –“Per me è stato un momento molto importante, che ho condiviso con coloro che hanno creduto e aderito con entusiasmo a questa iniziativa. Insieme ci metteremo subito al lavoro per Parco Valentino 2016”. Nel DNA di questo “salone” c’è sempre stato il coinvolgimento, emozione e passione, la voglia di fare squadra –“Chiederemo alle Case Automobilistiche e ai Centri Stile di continuare a credere in questa formula, in modo da far diventare Parco Valentino un appuntamento annuale per il mondo dell’automobile. Eventi come questo, rappresentano un’importante vetrina per ricominciare a parlare di auto in termini positivi e di crescita, restituendo al settore un ruolo di rilievo nello sviluppo economico del paese” ha dichiarato con convinzione Andrea Levy, Presidente della manifestazione. Prossimo appuntamento a Torino dall’8 al 12 giugno 2016 con la seconda edizione de Parco Valentino – Salone & Gran Premio, Il salone dell’auto all’aperto.

Luca Dragotti

 

 

 

 

    Print       Email
  • Published: 2 anni ago on 30 giugno 2015
  • By:
  • Last Modified: luglio 1, 2015 @ 11:52 pm
  • Filed Under: Motori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

COMUNICATO STAMPA – ANALISI: 6 anni di Superbollo

Read More →