Loading...
You are here:  Home  >  Turismo  >  Current Article

Inizio dell’anno col botto – Viaggio New York

By   /  8 marzo 2015  /  No Comments

    Print       Email

A 2 - CAPODANNO DAY (10)E’ grandissima, luminosa, multiculturale, vertiginosa, eccentrica, rumorosa, spettacolare…si, cari lettori, New York è davvero New York: i grattacieli sono un tetto sulla testa di milioni e milioni di persone, le strade si chiamano con numeri e lettere, i taxi gialli sfrecciano continuamente, decine di accenti e lingue si intrecciano tra di loro.

Quando arriviamo, nonostante il freddo percepiamo il caloroso abbraccio di benvenuto che ci regala questa metropoli. E in cinque giorni, dobbiamo fare il massimo per esplorare il suo cuore pulsante…Manhattan. Non è che uno dei cinque distretti che compongono New York, insieme a Bronx, Queens, Brooklyn e Staten Island e rappresenta il centro culturale ed economico degli Stati Uniti e non solo, una sorta di ombelico del mondo se vogliamo. Si estende per 87 km quadrati e vi abitano un milione e mezzo di persone. Insomma, non è un’impresa semplice visitarla tutta!! Ma partiamo. Primo giorno, è il 31 dicembre, giorno del Capodanno…Times Square alle 10 del mattino è giàM SKYLINE DAY (6) invasa da migliaia di turisti che iniziano ad appostarsi fronte palco per godersi lo spettacolo di fine anno…ma non abbiamo tempo da perdere, così invece che rimanere lì fermi fino alla mezzanotte iniziamo a vagare…Partiamo con Broadway, la strada che ospita i famosi teatri dove “Chicago”, “Mamma mia”, “Grease” e altri musical danno spettacolo ogni sera….la Quinta, la Sesta e la Settima strada attirano l’attenzione (la mia in particolare) con vetrine animate spettacolari e centri commerciali enormi. Saliamo sull’Empire State Bulding (il famoso grattacielo simbolo di New York), e sul the Rock (il grattacielo nel quale è stata scattata la famosa foto degli operai sulla trave), per un panorama vertiginoso da più di 200 metri d’altezza. Arriva la nottata, ci mettiamo sul naso gli occhiali USA del 2015 e…Happy New Year!

Secondo giorno, partiamo con Central Park…missione impossibile riuscire a passeggiare per tutti i suoi 340 ettari…Così dopo un paio d’ore usciamo e ci rituffiamo nel centro. Ora Times Square è tutta per noi: megaschermi, insegne luminose e neon animate. Google, H&M, Coca Cola, Toshiba, Apple….le pubblicità vengono proiettate con velocità psichedelica.

Terzo giorno, Statua della Libertà. Lasciamo l’isola di Manhattan e con il traghetto andiamo sull’isolotto della “signora” di New York. Si, è vero, non è così alta come sembra in tv, ma d’altronde come può competere con cinquemila grattacieli, tra i più alti del mondo??? Il pomeriggio invece lo trascorriamo a Wall Street, ovvero il distretto finanziario, dove si trovano anche i resti delle Torri Gemelle. Cosa ne è rimasto? Due buchi nell’asfalto, nei quali cascate di acqua precipitano verso il centro; sulle placche di bronzo che circondano le due “piscine” i nomi delle vittime dell’attentato.

E’ l’ora del tramonto e andiamo a godercela sul ponte di Brooklyn. Per attraversarlo ci vuole più di mezzora dal momento che è lungo 1.800 metri! Nel frattempo il sole si abbassa e le luci dei grattacieli di Manhattan si accendono…Lo spettacolo notturno è pazzesco.

Quarto giorno, cosa ci manca? SoHo, Little Italy e China Town. Lasciando perdere China Town, che è uguale in tutto il mondo (migliaia di commercianti cinesi che vendono di tutto con il loro solito sapere fare, fantastici!), passeggiamo per SoHO. Nato come quartiere degli artisti, oggi è una zona molto “glamour”, ovvero chic e costosa…bellissime case, botteghe artigiane e negozi con le firme più conosciute del mondo. Maurizio, lasciami qui!!! Invece pensiamo anche alla “pancia” e quindi andiamo a mangiare a Little Italy. Eh si, il famoso quartiere dove un tempo si sono aggregati tutti i nostri italiani immigrati, ora è un viale pieno di ristorantini dove non è difficile mangiare bene e pagare tanto! 

Quinto giorno, cuore in gola. Scegliamo di tornare all’ombra dei magnifici grattacieli di MidTown (il centro di Manhattan) e di fare un ultimo bagno di luci artificiali a Times Square.  

Sara Fiorentino

    Print       Email
  • Published: 3 anni ago on 8 marzo 2015
  • By:
  • Last Modified: marzo 8, 2015 @ 6:23 pm
  • Filed Under: Turismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

Hakuna Matata!

Read More →