Loading...
You are here:  Home  >  Attualità  >  Current Article

La Streglio riparte dall’imprenditore Luigi Gatta – Intervista al CEO Sergia Arevalo in Gatta

By   /  18 gennaio 2015  /  No Comments

    Print       Email

Diapositiva1La Streglio è una delle realtà industriali più rinomate, con 90 anni di storia alle spalle. E’ stata fondata nel 1924 dal torinese Pietro Arturo Streglio, che da operaio presso la Talmone, imparò l’arte del “maestro cioccolatiere”, e grazie alla sua intraprendenza, riuscì a trovare i capitali per avviare una propria attività. Attività che crebbe nel tempo, diventando un marchio conosciuto ed apprezzato a livello nazionale, mantenendo una qualità di prodotto davvero superiore. Successivamente, l’azienda ha subito calvari finanziari, dovuti alla crisi ed alle varie gestioni che si sono susseguite dopo la morte del suo fondatore, avvenuta nel 1970. In questo articolo non parleremo, però di passato e dei procedimenti giudiziari che ha subito la Streglio, temi di cui si sono occupati in maniera esaustiva mass media e testate giornalistiche. Oggi vogliamo affrontare il tema relativo al presente ed al futuro dell’azienda, che è stata rilevata dall’imprenditore Luigi Gatta. Siamo stati in sede, dove l’attuale CEO, la Dottoressa Sergia Arevalo in Gatta, moglie del proprietario, ci ha concesso un’intervista che racconta il percorso della nuova Streglio, dall’acquisizione all’attuale situazione manageriale ed industriale.

Diapositiva2Dottoressa, Suo marito proviene dal settore automotive, cosa l’ha condotto a lanciarsi in questa nuova sfida? “Mio marito è un uomo a cui piacciono le sfide, ciò è dimostrato anche dal passaggio ad un settore completamente diverso rispetto al precedente, ma pur sempre impegnativo, ha molta voglia di lavorare. Alle sue spalle può contare su un valido team, che comprende anche tutti i membri della famiglia.”

In quali condizioni era l’azienda quando è stata rilevata dalla Vostra famiglia? “Sicuramente l’azienda non è stata rilevata in condizioni ottimali, dato che era chiusa da diversi mesi. La manutenzione dei macchinari non era aggiornata, era tutto trascurato, c’era molto da ripristinare. Una business unit che non va trascurata è la qualità, tutte le nostre altre Aziende sono già certificate ISO: 9001 dalla severissima TÜV , e noi intendiamo lavorare per portare in futuro anche Streglio ad essere certificata secondo i migliori standard richiesti dal suo particolare settore.

Diapositiva3La nuova Streglio firmata Luigi Gatta, come è strutturata (Organization Chart)? “Abbiamo riassunto i responsabili di ogni reparto, mantenendo la professionalità “made in Streglio”, attualmente abbiamo otto risorse in produzione, operativi su un solo turno, due responsabili vendite, cinquantacinque agenti distribuiti in tutta Italia ed un ufficio amministrativo.

Attualmente lavorano 8 risorse, qual è il vostro Planning Resources (Pianificazione Risorse)? “Stiamo lavorando sulla pianificazione, il nostro primo obbiettivo è quello di aumentare le vendite, pian piano stiamo riconquistando il mercato, la rete commerciale è in attivo, il tutto per poter incrementare il nostro personale.”

Diapositiva4Qual è il vostro Product Development Plan (Piano Sviluppo Prodotto)? “Stiamo sviluppando prodotti d’alta gamma per il prossimo anno. Infatti già oggi lavoriamo alle prossime collezioni autunno/inverno 2015-2016 su cui puntiamo molto, grazie a prodotti innovativi, di cui oggi non anticipo nulla perché sarà una sorpresa, a partire dalle ricette. La qualità è il nostro punto di forza, la nostra formula è: “qualità più serietà”. Stiamo cominciando ad effettuare le prime spedizioni di prodotti all’estero. Questo è motivo d’orgoglio per noi, dato che a livello di mercato e Clienti, eravamo davvero in un punto critico, a causa delle precedenti gestioni fallimentari. Sempre a causa di ciò, anche molti fornitori non volevano più collaborare con noi: li abbiamo riconquistati proprio con la nostra serietà e in molti si sono riproposti grazie al lavoro, alla professionalità ed al buon nome di mio marito, conosciuto nell’ambiente industriale. Siamo dunque riusciti ad infondere nuova fiducia a queste persone.”

Diapositiva5Parliamo dell’impianto, come sono suddivise le aree? “Prima di andare nel dettaglio riassumiamo brevemente, partendo dalla sala paste dove avviene la tostatura cacao e tostatura nocciole, qui è la base di partenza per i nostri prodotti. E’ importante sottolineare che quasi per ogni prodotto si ha una tostatura ed un concaggio diverso, segue successivamente una fase di lavorazione. La fase finale del processo è il confezionamento. Vorrei sottolineare che siamo fra i pochissimi a produrre cioccolato a partire dalle fave di cacao, di conseguenza non acquistiamo cioccolato già pronto. Dalla tostatura al confezionamento, il tutto è “made in Streglio al 100%”, la qualità delle materie prime è di primo livello, i nostri prodotti sono tutti naturali. L’impianto è composto dalle seguenti aree: sala paste (nasce il cioccolato), reparto modellazione (avviene la produzione dei cioccolatini), impianto gianduiotti (da noi la produzione avviene per estrusione, secondo la prima tradizione produttiva di questo prodotto, che per essere definito “autentico”, non deve essere né modellato né stampato, noi possiamo creare quella che viene definita, “la perfetta imperfezione del gianduiotto Streglio”). Proseguiamo con l’ impianto per realizzare le gelatine alla frutta ed i liquorini (prodotti di alta gamma), reparto dragèes (nocciole tostate ricoperte con cioccolato, chicco caffè ricoperto di cioccolato che sono prodotti di nicchia), i luoghi di controllo e stoccaggio del prodotto ed il reparto confezionamento. Il nostro modo di lavorare il cioccolato è ancora artigianale, i nostri macchinari sono infatti di supporto a lavorazioni che hanno ancora una grande componente manuale e seguono ricette che hanno quasi 100 anni.”

Diapositiva7Quali sono i prodotti su cui puntate ad essere leader sul mercato? “Siamo leader su gianduiotti, cremini, gelatine, liquorini, questi sono prodotti che possiamo definire di alta qualità artigianale. Siamo in via di sviluppo e ci tengo a precisare che quando necessiteremo di persone, le assumeremo, dato che questa impresa, ha un’ampia capacità produttiva potenziale , oggi stiamo guadagnando mercato, e un po’ alla volta cerchiamo di espanderci. Tra i miei obbiettivi figura quello di dare lavoro a None, tutti sappiamo che c’è bisogno di lavoro, soprattutto in questo momento difficile che stiamo attraversando, i nostri Clienti sono fiduciosi ed ottimisti. Molti sono venuti a conoscerci, pian piano stiamo riconquistando anche la loro fiducia per la qualità e la serietà che stiamo impiegando nel risollevare l’Azienda, Streglio deve essere sinonimo di questi due fattori che sono mancati precedentemente. A None, inoltre, possiamo puntare su un validissimo punto vendita, interamente ristrutturato dove i Clienti trovano i nostri prodotti adatti per ogni occasione: dal regalo al consumo familiare o aziendale. Colgo l’occasione di questa intervista per ringraziare i nostri Clienti, il Sindaco uscente Maria Luisa Simeone, il Sindaco attuale Enzo Garrone, le forze dell’ordine tra cui figurano il Comandate Bosso ed il Maresciallo Maresca, i fornitori che ci hanno rinnovato la loro fiducia, i mass media, tutti coloro che ci hanno aiutato. Io personalmente e mio marito, ringraziamo il nostro Team, che è un gruppo solido che fa squadra. Tutti insieme procediamo seguendo un progetto comune, consci che da questo può venire il successo.”

L’imprenditore non è solo la persona fisica o giuridica che investe in una azienda, ma colui che deve possedere la capacità, in seguito all’acquisizione, di ripartire dalle risorse e mezzi disponibili, ottenendo così un fatturato in attivo, perseguendo una gestione che vada oltre i propri interessi, per poter così investire e puntare alla crescita aziendale, con incremento di produzione e di risorse. Ad oggi, queste sono le intenzioni della Famiglia Gatta, e a tutti noi non resta che sostenerli in questa “buona impresa” augurandoci con loro che la Streglio torni ad essere la realtà industriale dei tempi migliori.

Luca Dragotti

 

    Print       Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

COMUNE E CARITAS: LAVORO UTILE PER IL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DISAGIATE

Read More →