Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Current Article

Insorti problemi fisici irrisolvibili a breve. Decisione a fine anno. La resa di Michele, definitiva o rinvio?

By   /  14 dicembre 2014  /  No Comments

    Print       Email

Decisione caldeggiata da staff medico e Commissione controllo antidoping

Dopo l’annuncio e la piacevole sorpresa del ritorno alle gare di Michele Astegiano, eccoci costretti ad un altro annuncio, meno piacevole, del suo ritiro (forse definitivo?) a causa dell’insorgere di problemi fisici non risolvibili in tempo per una seria preparazione all’evento sportivo/musicale gia programmato per il 9 novembre 2014 (attacco al record dell’ora di ci–clismo) che lo avrebbe visto protagonista. Raccolte qua e là alcune indiscrezioni(non sappiamo quanto vere…)sulle motivazioni, giriamo le medesime all’interessato che supponiamo avrà qualcosa da dire.

Tenendo presente che tocchiamo tasti riguardanti la salute e la privacy della persona, ci permettiamo solamente di darti spazio senza domande specifiche in modo che tu possa, se vuoi, spiegare ai tuoi sostenitori nei modi e forme che ritieni più adeguati. Non c’è problema alcuno a chiarire il tutto, visto che non c’è nulla di così grave o vergognoso da nascondere. Sono arrivate anche alle mie orecchie alcune dicerie; qualcuna molto vecchia, di dieci anni (male incurabile, terminale), altre relativamente nuove (beccato dall’antidoping e squalificato). Chiarisco subito due cose. Non ho mali incurabili (almeno non che io sappia in questo momento) e non sono stato pizzicato dopato in questi anni (esiti in mano mia e dimostrabili a chiunque spari str….ate simili). I problemi fisici in questione si chiamano “ipertensione”. Si sperava di poterli superare in tempo ma così non è stato.

Scusa l’intromissione; allora non è stato un fulmine a ciel sereno? No, e lo staff medico aveva già previsto così. Io invece ho provato a ribellarmi alla situazione ma ho dovuto cedere all’evidenza dei fatti. La pressione sanguigna è molto elevata( massima e minima). Ad inizio anno mi hanno sottoposto a molti esami specialistici nella ricerca di una eventuale patologia, causa di questo fenomeno. Non mi hanno riscontratonulla. Per esclusione, quindi, si è arrivati a una conclusione. Il sospetto è che sia stata la repentina e prolungata inattività (sceso di bici a fine corsa dell’ottobre 2012 e non più toccata per un anno e mezzo) unita un notevole aumento ponderale (+ 22 kg). Per un corpo allenato, spremuto quotidianamente da grandi sforzi anche violenti e fermato all’improvviso (un po’ come arrestare un autobus lanciato a 100 km/h in due metri) è prevedibile sorgano dei guai di tipo neurologico e cardiocircolatorio. A me, insieme al peso è esplosa anche l’ipertensione, forse anche favorita da un retaggio ereditario da parte materna…. Ora, o prendo farmaci per combattere l’ipertensione (come milioni di italiani) o non li prendo. Se li prendo non c’è scampo con l’antidoping che mi sottopone ad esame non solo al termine della gara mondiale del 9 novembre ma già, con prelievi a sorpresa, durante la preparazione. Ciò comporterebbe qualche migliaio di euro di multa e qualche anno (2 o 3) di squalifica ( e, aggiungo io, di perdita di faccia davanti ai miei sostenitori). Se è una cosa assolutamente normale per chiunque necessiti di assumere pastiglie per la pressione, a uno sportivo come me non è permesso. Infatti queste compresse contengono sostanze che rientrano nell’elenco di quelle proibite dalla WADA(World Anti-Doping Agency). Non mi voglio dopare; mi devo solo curare, ma tant’è…. Se invece non prendo questi farmaci, i problemi li ho col becchino. Infatti, se questa pressione molto alta è già pericolosa anche a riposo, se sottopongo il miofisico ad una preparazione intensa, ci rimango di sicuro. A questo punto, dopo consulto con i vari medici (del mio staff e di quello federale antidoping) il consiglio è stato univoco. Devo curarmi perchè in questo momento necessita tale soluzione; nel contempo cancello l’impegno sportivo e mi metto al sicuro da ogni controllo medico federale.

Qualche speranza per il futuro prossimo o siamo alla fine della carriera agonistica? Secondo preparatori e medici la mia preparazione non deve interrompersi ma quasi, e cioè devo alzare quasi tutto il piede dall’acceleratore. In bici devo andarci ma senza sforzi, come un vecchietto, solo per riabituarmi al movimento e far circolare il sangue. Devo anche seguire una dieta prescritta. Tutto ciò dovrebbe portarmi entro fine anno a perdere un certo numero di chili e a raggiungere un minimo di forma che mi permetterà di buttare alle ortiche i farmaci e rientrare in modo naturale nei parametri massimi ammessi dalla federazione. A questo punto, se ancora una volta i medici ci azzeccano (io rimango pessimista, come sempre) la licenza UCI che ho appena stracciato verrà nuovamente richiesta e ripartirà l’organizzazione dell’evento sportivo per fine 2015.

Quindi, per adesso, è un “rompete le righe” generale? Generale non direi; solo per qualcuno. Certamente sì per alcune figure come ad es. il fotografo, la Banda Filarmonica di Pomaretto, la troupe televisiva (proprio adesso che era arrivato l’accordo per la trasmissione in diretta “streaming” su Internet), la prenotazione del Velodromo, ecc… in modo che possano trovarsi impegni alternativi. Come detto, la prepararazione con i medici, tecnici, ecc.. va avanti sia pure a ritmi ridottissimi fino a fine anno. Si cercherà in particolare il perfezionamento dell’aerodinamica (il mio più grosso tallone d’Achille) col collaudo di posizioni studiate in galleria del vento. Dopo la notizia del mio ritiro che immagino porterà un po’ di sconforto ai miei tifosi (che so essere tanti) e tanta goduria ai miei “gufi” (che so essere pochi; alcuni anche componenti di associazioni di cui faccio parte anch’io), vorrei rivolgere a tutti loro un caldo invito. Aspettate a godere o soffrire, almeno fino a Capodanno; potrebbe non essere finita. Per il momento, come per alcuni dei miei collaboratori, consiglierei un prudente Standby.

La Redazione

    Print       Email
  • Published: 3 anni ago on 14 dicembre 2014
  • By:
  • Last Modified: dicembre 14, 2014 @ 9:20 pm
  • Filed Under: Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

1° TROFEO GERBOLE DI VOLVERA

Read More →