Loading...
You are here:  Home  >  Attualità  >  Current Article

La Nostra storia 1964-2014, 50 anni dell’AVIS di None

By   /  9 novembre 2014  /  No Comments

    Print       Email

Era il 21 maggio del 1964 quando, dietro richiesta del Rag. Comm. Gianfranco Negro, l’Avis provinciale inviava a None un’autoemoteca attrezzata per il prelievo di sangue.

Constatato che l’adesione dei donatori occasionali era stata numerosa, il Rag. Negro invitava tutti i donatori raccolti fino a quel momento a partecipare ad una riunione che si tenne alle ore 21 del 16 settembre 1964 presso i locali del bar Italia di Via Roma angolo via Cesare Balbo, per discutere ed approvare la costituzione della sezione comunale Avis None.

Alla presenza dello stesso organizzatore, del Sig. sindaco di None Cav. Pietro Sola, del parroco Don Luigi Ferrero, del direttore sanitario Dott. Angelo Musso, del Rag. Alessandro Fisso presidente regionale Avis, del Rag. Grand’uff. Enrico Dasso presidente provinciale Avis, si procedeva alla stesura del documento ufficiale che sanciva la nascita della locale sezione e subito dopo si procedeva all’elezione del primo Direttivo che risultava composto da:

 

  • Primo presidente eletto Gianfranco Negro
  • Consiglieri Accattino Rosa, Botta Antonio, Chiosso Piero, Musso Ermanno, Ramello Bruno, Viotti Giovanni, Zidetti Italo.

Il neo direttivo, grazie alla sensibilità privata, si insediò in Via San Rocco e fino al 15 novembre i prelievi vennero effettuati su autoemoteca ubicata sulla piazza Parrocchiale, oggi Monsignor Andrea Vigo, fintanto che, con l’autorizzazione del sindaco, si poté usufruire dell’atrio della scuola elementare Don Paolo Albera.

Nei primi anni le difficoltà non mancarono da quelle di bilancio a quelle dirigenziali che portarono la sezione dopo circa un decennio vicino allo scioglimento. La tenacia e l’aiuto della direzione provinciale consentirono di superare le difficoltà e proseguire con maggiore pro-attività.

Un’altra tappa importante fu verso la fine degli anni settanta, quando grazie ad una maggiore sensibilità della politica comunale volta allo sviluppo delle associazioni, venne assegnata l’attuale sede di Via Beccaria 3.L’assegnazione della nuova sede con spazi adeguati permise, sebbene in maniera difficoltosa, l’aumento dei donatori.

E’ verso la metà degli anni ottanta che si incominciarono a vedere i risultati dei decenni precedenti, dove, con il maggiore coinvolgimento dell’associazione nella vita del paese ,con manifestazioni si raggiunse un numero di donazioni che garantiva l’autosufficienza della sezione e una maggiore serenità per il futuro.

Con una migliore organizzazione e consapevolezza, oltre all’attività istituzionale della raccolta del sangue come scopo della sezione, l’impegno della nostra sezione si è rivolto sempre di più ad un coinvolgimento dei donatori e delle loro famiglie con l’organizzazione di gite, biciclettate e pranzi, in modo da poter infondere in maniera capillare e continuo lo spirito di solidarietà che anima la nostra associazione.

L’essere una realtà affermata ha consentito negli anni di poter continuamente sostenere le continue richieste e i continui adeguamenti normativi affinché l’attività potesse proseguire e aumentare , ad esempio l’acquisto delle poltrone automatizzate, le bilance basculanti e negli ultimissimi anni l’adeguamento dei locali dove vengono eseguite le donazioni alle ferree normative sanitarie.

Oggi essere qui a festeggiare i cinquant’anni è un motivo di grande orgoglio, oltreché un’emozione poter condividere questa festa con tutti coloro, enti e famiglie che nei decenni ci sono state vicine e continueranno ad esserlo e a coloro che sono stati protagonisti negli anni e oggi non ci sono più.

Con la convinzione di essere un’associazione del paese e per il paese vogliamo augurare a tutti una splendida festa!

Il direttivo Avis

 

    Print       Email
  • Published: 3 anni ago on 9 novembre 2014
  • By:
  • Last Modified: novembre 9, 2014 @ 6:39 pm
  • Filed Under: Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

La rinascita del vinile

Read More →