Loading...
You are here:  Home  >  Fai Sport Magazine  >  Current Article

Leader 2013: il riconoscimento di Vincenzo Mazzara

By   /  20 marzo 2014  /  No Comments

    Print       Email

riconoscimento leader 2013 csen 001

La passione è un’arte, ognuno di noi ne possiede una. La passione spesso premia, ci appaga ed è qualcosa che nessuno può portarci via. Grazie ad essa, a Vincenzo Mazzara, grande appassionato di sport, è stato consegnato il premio Leader 2013 dall’Ingegner Mario Picco – “grazie per il grande contributo dato per lo sviluppo dello sport e della promozione sportiva nell’anno 2013”.

“E’ stata una grande soddisfazione il riconoscimento ottenuto dallo CSEN, il mio più grande obiettivo è promuovere l’educazione attraverso lo sport, Fai Sport Magazine e Giocare per giocare, sono il tassello iniziale di un progetto che sto portando avanti” – ha spiegato Vincenzo – “ai ragazzi voglio trasmettere ed insegnare a stare in gruppo, non esistono avversari, in campo si è tutti compagni, anche nei confronti della squadra che si trova nell’altra metà campo, non rappresento per loro solo il Mister ma anche il loro educatore che non sostituisce assolutamente il genitore ma lo supporta”. Cos’è lo CSEN? E’ una struttura che si occupa di supportare e informare le nascenti associazioni sportive, aiutandole successivamente a crescere nel tempo, occupandosi di tutte quelle attività amministrative che non competono alle società. Lo CSEN svolge questo compito seguendo due strade: la prima rivolta a tecnici e dirigenti, tenendoli al corrente di tutte le modifiche delle normative, l’impiantistica, la medicina sportive, la seconda  è il progetto Sport Accademy, un centro di formazione, lanciato pochi mesi fa, che si occupa di dare le informazioni necessarie relative alla sicurezza ed alla gestione degli impianti. La cultura, l’educazione, il sociale (no al razzismo ed alla discriminazione), sono i parametri relativi allo sport, che Enzo vuole trasmettere anche attraverso il web magazine.

A None ho fatto parte di uno dei gruppi che hanno riportato il calcio nel nostro paese, dopo ben 6 anni di assenza, l’ASD None FC, del nuovo impianto Natale Viotti e dall’ASD Sporting None, che si allena e gioca nel campo dell’ex Club Cagliari “ – continua Enzo – “l’ASD None mi ha dato l’occasione di seguire i piccoli amici, un incarico che ho svolto in collaborazione con Paolo Cambiotti, un’esperienza che ha contribuito alla mia crescita professionale e mi ha permesso di instaurare un bellissimo rapporto, sia con i ragazzi che con le loro famiglie”. Dopo l’esperienza Nonese, Enzo, attualmente, occupa lo stesso ruolo nell’USD Scalenghe. “Mi piace seguire l’attività di base, costruire un percorso educativo/sportivo con i bambini più piccoli, naturalmente sostenuto dall’aiuto indispensabile dei propri genitori e della società. Quello dell’attività di base è il primo approccio nel mondo dello sport da parte dei bambini che si avvicinano per la prima volta a questa attività ed a uno sport di gruppo, per questo non è possibile improvvisarsi allenatori di calcio” conclude Enzo – “la pratica dell’attività sportiva non consiste solo in tecnica ed allenamento, anche il gioco è da considerarsi un’attività motoria fondamentale in grado di contribuire alla formazione e alla crescita del bambino”.

Lo sport è presente nel DNA di Vincenzo, lo pratica, lo promuove, lo insegna, sempre con lo stesso ed unico minimo comune denominatore che lo contraddistingue, la passione! In bocca al lupo Enzo!

Luca Dragotti

    Print       Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

“Piccoli amici”!

Read More →