Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Current Article

Danza: arte, passione ed insegnamento secondo Nadia e Raffaella

By   /  20 marzo 2014  /  No Comments

    Print       Email

DSC01161

La danza è un’arte, una passione, un modo per comunicare. La danza è libertà di espressione per  tutti coloro che vogliono darne la propria interpretazione. A None abbiamo una struttura, il Palazzetto dello Sport, dove ognuno può scegliere di praticare lo sport che lo identifica maggiormente. Insegnanti ed allievi hanno un ruolo fondamentale, i primi trasmettono ai secondi la loro passione e professionalità, attraverso l’insegnamento. La danza è rappresentata da Nadia Dini e Raffaella Ravetti. “La mia passione è nata quando, da bambina, mia madre mi vide scimmiottare davanti alla tv e decise di indirizzarmi verso un percorso di studi di base” – ha raccontato Nadia –“Successivamente ho frequentato la Rossella Hightowers a Cannes, un’accademia di danza che offre la formazione necessaria per diventare professionisti ed insegnanti di danza. In seguito, mi sono diplomata a Torino presso il Teatro Nuovo, dove ho acquisito le nozioni necessarie relative alla danza classica, metodologia Vaganova e cubana. La mia avventura di insegnante è cominciata dal momento in cui la mia docente mi ha chiesto di farle da assistente.” Non è da meno Raffaella. “Guardando Heather Parisi, è nata la mia passione per la danza. Ricordo perfettamente la mia prima lezione di danza: in quella occasione ho pianto, perché tutti hanno fatto l’audizione in divisa mentre io ero in tuta” – ha raccontato Raffaella – “Ho conseguito i miei studi presso la Metodologia Rad a Londra e, come Nadia, alla Rossella Hightowers a Cannes. Successivamente ho avuto una breve esperienza televisiva a ‘Quelli che… il calcio’, come ragazza pon pon per la Juventus. Una bellissima esperienza.” La preparazione non manca: le due ragazze, oltre alla passione coreutica, hanno un curriculum da fare invidia. L’idea di creare la scuola di danza  è nata nel 1996, dopo che Nadia è stata contattata da Pasquale Marino per insegnare due ore alla settimana. La passione era troppo forte ed oggi Nadia insegna a tempo pieno ne “Il Mondo a passo di danza”. La collaborazione con Raffaella è iniziata nel 2002, costituendo un connubio perfetto. Cosa vogliono trasmettere Nadia e Raffaella ai propri ragazzi? “Vogliamo trasmettere la cultura della danza attraverso la nostra passione” – ha precisato Nadia – “Insegnare l’arte del balletto e dare la possibilità a tutti i ragazzi di coltivare questa disciplina attraverso saggi ed esibizioni”. Molto incisiva Raffaella – “Ho sempre mangiato pane e danza: trasmetto la mia passione attraverso l’entusiasmo e l’amore che provo per questa disciplina, ma soprattutto, il mio intento è di far capire ai miei allievi che solo grazie al sacrificio è possibile raggiungere i propri obbiettivi. Indipendentemente dal risultato, quello che per me conta è averci provato, senza alcun rimpianto”. Dopo tutti questi anni di attività, mi è venuto spontaneo chiedere a Nadia e Raffaella, quali riconoscimenti abbia avuto la loro scuola e devo dire che i risultati sono notevoli. Tra i vari traguardi raggiunti dagli allievi de “Il Mondo a passo di danza”, segnaliamo: il Premio Internazionale Giovani Città di Sanremo, vinto in più occasioni; due allieve sono state ammesse alla Summer Joffrey Ballet School di New York; un’allieva si è laureata alla Codarts di Rotterdam, mentre un’altra, dopo lo stage al Teatro Ariston, si trova all’Eco International Dance Project di Pompea Santoro. Solo per citare alcuni esempi del loro palmares. I corsi tenuti da Nadia e Raffaella comprendono la danza classica, moderna, contemporanea, corsi di Hip Hop, break, latino americano, liscio e pilates, tutti a partire dal livello base fino a quello più avanzato. “La nostra struttura è competitiva e la sinergia tra ‘Il Mondo a passo di Danza’ e ‘l’ASD None’ sta dando i suoi frutti; il nostro obbiettivo è quello di essere un punto di riferimento per i giovani di None, vogliamo insegnare loro attraverso lo sport, che la disciplina e l’impegno, sono nozioni fondamentali, utili, dentro e fuori la nostra struttura”. Credo che Nadia volesse intendere che questi due punti fondamentali sono utili per un lungo percorso. Un cammino chiamato vita.

Luca Dragotti

    Print       Email
  • Published: 4 anni ago on 20 marzo 2014
  • By:
  • Last Modified: aprile 20, 2014 @ 9:45 pm
  • Filed Under: Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like...

1° TROFEO GERBOLE DI VOLVERA

Read More →